Diritti interna

Doveri interna

ricerca avanzata

Parere sullo schema di “Linee guida sull’accessibilità degli strumenti informatici” (AGID) - 17 ottobre 2019 [9207804]

[doc. web n. 9207804]

Parere sullo schema di “Linee guida sull’accessibilità degli strumenti informatici” (AGID) - 17 ottobre 2019

Registro dei provvedimenti
n. 194 del 17 ottobre 2019

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Nella riunione odierna, in presenza del dott. Antonello Soro, presidente, della dott.ssa Augusta Iannini, vicepresidente, della dott.ssa Giovanna Bianchi Clerici e della prof.ssa Licia Califano, componenti, e del dott. Giuseppe Busia, segretario generale;

Visto il Regolamento (Ue) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione dei dati), di seguito Regolamento;

Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante il Codice in materia di protezione dei dati personali, così come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101, recante “Disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE”, di seguito Codice;

Visti gli artt. 14 - bis e 71 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante il “Codice dell’amministrazione digitale” (di seguito CAD) e la determinazione dell’Agenzia per l’Italia digitale (AgID) n. 160 del 2019, recante il “Regolamento per l’adozione di linee guida per l’attuazione del Codice dell’Amministrazione Digitale”, che disciplinano le procedure per l’adozione di linee guida contenenti le regole tecniche e di indirizzo, previa consultazione pubblica e sentiti l’amministrazione interessata e il Garante per la protezione dei dati personali, nonché l’acquisizione del parere della Conferenza unificata;

Vista la Direttiva (UE) 2016/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 del 26 ottobre 2016, relativa all’accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobili degli enti pubblici;

Visto l’art. 11 della legge 9 gennaio 2004, n. 4, recante “Disposizioni per favorire e semplificare l’accesso degli utenti e, in particolare, delle persone con disabilità agli strumenti informatici”, come sostituito dall’art. 1, comma 10, del decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 106;

Vista la richiesta di parere del 9 agosto 2019 dell’AgID, sullo schema di “Linee guida sull’accessibilità degli strumenti informatici”, come integrata dalle note del 26 agosto 2019 e del 7 ottobre 2019;
Considerato che i soggetti destinatari delle prescrizioni sono individuati dall’art. 3, comma 1, della legge n. 4/2004, con particolare riferimento alle pubbliche amministrazioni, agli enti pubblici economici e alle aziende private concessionarie di servizi pubblici;

Rilevato che l’art. 11, primo comma, della legge n. 4/2004 stabilisce che le linee guida debbano stabilire, tra l’altro, i requisiti tecnici per l’accessibilità degli strumenti informatici, ivi inclusi i siti web e le applicazioni mobili, nonché definire la metodologia di monitoraggio e valutazione della conformità degli strumenti informatici, ivi inclusi i siti web e le applicazioni mobili, alle prescrizioni in materia di accessibilità;

Rilevato che lo schema di linee guida con particolare riferimento ai criteri di valutazione per la verifica soggettiva dell’accessibilità delle pagine web prevede anche la creazione di gruppi di valutazione composti da persone con specifiche tipologie di disabilità (es. sordità, ipovisione, cecità, etc.);

Considerato quanto precisato da AgID nella nota istruttoria del 7 ottobre 2019 in riferimento ai predetti gruppi di valutazione la cui costituzione è interna alla pubblica amministrazione e, dunque, deve essere effettuata dal titolare del trattamento nel rispetto della normativa di settore e della disciplina di protezione dei dati personali, con particolare riferimento al principio di minimizzazione dei dati (art.5, par. 1, lett. c) del Regolamento);

Considerato che il gruppo di valutazione esegue una serie di prove sotto la guida di un esperto di fattori umani all’esito delle quali viene predisposto un rapporto conclusivo nel quale l’esperto indica, tra l’altro, “i dati relativi alle prestazioni degli utenti in relazioni ai compiti affidati: performance, commenti, osservazioni comportamentali …” (cfr. par. 3.2.2.1 lett. d) dello schema);

Rilevato che, nel caso del monitoraggio approfondito svolto da AgID per verificare che un sito web o un’applicazione mobile soddisfi tutte le circostanze individuate nelle norme e nelle specifiche tecniche è previsto che la stessa possa utilizzare, interamente o in parte, i risultati della predetta valutazione messi a disposizione dal titolare del trattamento, in determinate circostanze (cfr. par. 5.1.2.1 dello schema);

Ritenuto in ogni caso che il richiamato rapporto sia redatto con modalità che non rendano identificabili gli interessati, anche in considerazione della sua possibile acquisizione da parte di AgID, prevista dallo schema di Linee guida in esame (cfr. par. 5.1.2.1 dello schema);

Vista la documentazione in atti;

Viste le osservazioni formulate dal Segretario generale ai sensi dell’art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

Relatore la dott.ssa Augusta Iannini;

TUTTO CIO’ PREMESSO IL GARANTE

ai sensi dell’art. 36, par. 4, del Regolamento, esprime parere favorevole sullo schema di “Linee guida sull’accessibilità degli strumenti informatici”, predisposto da AgID, ai sensi dell’art. 71 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, Codice dell’amministrazione digitale.

Roma, 17 ottobre 2019

IL PRESIDENTE
Soro

IL RELATORE
Iannini

IL SEGRETARIO GENERALR
Busia